Area tematica 2019 - Euromineralexpo Torino

Seguici:
Corso Sebastopoli 123 - Torino
49°
Edizione
2-3-4
Ottobre
2020
2-3-4
Ottobre
2020
2-3-4 Ottobre
2020
2-3-4
Ottobre
2020
49°
Edizione
49° Edizione
Corso Sebastopoli 123
- Torino
Vai ai contenuti
Choose your language:
Edizione 2019

IL QUARZO: colori, varietà e tecnologia
Una piccola, ma preziosa anteprima sulla bellezza di questo minerale, la si è già avuta nell’esposizione del 2018. In occasione del 48° EUROMINERALEXPO 2019 il quarzo sarà invece il protagonista centrale delle mostre tematiche. Di questo splendido minerale verranno infatti illustrate le principali caratteristiche mineralogiche, la grande varietà di forme e colori con cui si presenta in natura, le associazioni mineralogiche più preziose e caratteristiche, le località che hanno dato gli esemplari più belli e, infine, si darà risalto all’importanza che questo minerale ha assunto nella nostra vita attraverso le sue applicazioni tecnologiche. Una grande esposizione per uno splendido minerale.


LE COLLEZIONI DI MUSEI E CIRCOLI MINERALOGICI TORINESI
Fin dalla nascita delle prime collezioni naturalistiche private nella prima metà del XVIII secolo, confluite poi nel Museo Accademico dell’Università di Torino voluto dal re Vittorio Amedeo II di Savoia, allestito, verso il 1740, nel Palazzo dell’Università di via Po e divenuto, successivamente, un proto-museo di Storia Naturale, Torino è sempre stato, per motivi storici e culturali, un luogo privilegiato nel settore delle raccolte, pubbliche e private, di natura naturalistica. Non va dimenticato infatti che, sempre verso la metà del 700, vide la luce quella Società Privata Torinese (che diventerà, alcuni decenni dopo, la celebre Accademia delle Scienze di Torino) dotata di un proprio museo naturalistico, in cui confluirono le collezioni private dei vari soci, tutti personaggi di grandissima valenza culturale nel panorama torinese dell’epoca. Unificate da Napoleone, all’inizio del secolo successivo, ed affidate alla cura di Stefano Borson, le sezioni geomineralogiche di entrambi i musei diedero vita a quella che, ancor oggi, costituisce la collezione storica di Scienze della Terra dell’Università di Torino. Altre due grandi collezioni geomineralogiche pubbliche vennero a costituirsi, dopo alterne vicende, a Torino nella seconda metà del XIX secolo, promosse dalla nascita di due prestigiose realtà ottocentesche: la Scuola di Applicazione per Ingegneri ed il Museo Industriale Italiano, le cui collezioni (pur gravemente impoverite dai danni bellici) costituiscono in nucleo originale dell’attuale raccolta geomineralogica storica del Politecnico di Torino (a cui le due citate istituzioni diedero origine nel 1906). La nascita, nel 1980, del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino promosse infine l’arrivo in città di moltissimo materiale mineralogico e geologico più recente, venendo a costituire le autonome collezioni regionali di rocce e minerali, nell’ambito delle più vaste raccolte di scienze naturali. In tanto fervore naturalistico, dai primi anni 70 del secolo scorso in poi, vennero anche a formarsi a Torino alcune associazioni collezionistiche private che ancor oggi, pur so
pravvivendo a fatica in un clima di mutati interessi culturali, sono presenti nel panorama naturalistico cittadino con le loro collezioni mineralogiche, esposte nelle rispettive sedi.

PARCO PALEONTOLOGICO ASTIGIANO
 
Euromineralexpo è sempre gradita occasione per l’Ente Parco Paleontologico Astigiano per esporre i campioni fossili conservati presso il Museo Paleontologico Territoriale dell’Astigiano e di offrire la pubblico le proprie novità. Oltre alla presenza della ricostruzione della mandibola dello squalo gigante megalodonte, ormai un must che non può mancare, si dedicheranno le vetrine a temi diversi esponendo campioni fossili tra i più tipici dei giacimenti piemontesi.
La parte principale è costituita da esemplari di varie specie di molluschi, alcune anche molto rare e di qualità eccellente per la conservazione tipica delle conchiglie astigiane. Una vetrina sarà dedicata alle impronte fossili (icnofossili), strane strutture che documentano le varie attività di antichi organismi il più delle volte sconosciuti. Ed infine uno spazio sarà riservato ai resti di cetacei (balene e delfini) che sono forse i più importanti fossili del territorio astigiano.
Oltre a alcuni campioni di recenti ritrovamenti realizzati dal Museo Paleontologico Territoriale dell’Astigiano, sarà esposto per la prima volta la riproduzione del cranio dell’olotipo del Delfinide Hemisyntrachelus cortesii, un delfino che poteva superare i tre metri di lunghezza dall’aspetto tra un globicefalo ed un’orca.
Lo scheletro originale era conservato presso il Museo di Storia Naturale di Milano ed è purtroppo andato distrutto durante i bombardamenti della II Guerra Mondiale. Ora di questo importantissimo reperto rimangono solo alcuni calchi storici del cranio e poche altre parti dello scheletro, tra i quali proprio questo in esposizione. Il campione fa parte della collezione storica di cetacei fossili piemontesi dell’Università degli Studi di Torino, in carico al Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino e che quest’anno è stata trasferita integralmente al Museo astigiano.
 






Bologna Mineral Service srl, via Nasica 69 -40055 Castenaso (Bo) Italy
P.IVA 02123651206
Capitale i.v. 29.994,00 € - Tel: +393345409922
Copyright © 2013-2020 BolognaMineralService - Tutti i diritti sono riservati
Copyright © 2013-2020 BolognaMineralService - Tutti i diritti sono riservati
Seguici:
Partner:
Torna ai contenuti